Posts Tagged ‘ intervista ’

Chiarenza: "Alla Juve tornerei. Con Ferrara parlavano in troppi, meglio con Zac"

vincenzo chiarenza primaveraRiporto una interessantissima intervista realizzata da Luciano Zanardini per IlSussidiario.net, seguita da un mio piccolo commento:

Juventus-Genoa non è soltanto una sfida che in questo momento può valere un posto in Europa, ma è anche, soprattutto, un match fra ex. Oltre ai vari Sculli e Milanetto, è interessante e al tempo stesso significativo rintracciare nelle rispettive rose alcuni fra i giovani più interessanti cresciuti all’ombra della Vecchia Signora. Da questo punto di vista chi meglio di Vincenzo Chiarenza, in esclusiva per ilsussidiario.net, con i suoi 15 anni nel settore giovanile juventino può tracciare un profilo di una generazione di aspiranti fenomeni che militano nelle due compagini: Palladino e Criscito da una parte e Marchisio, Giovinco, De Ceglie e Paolucci dall’altra. Chiarenza affronta anche da tifoso la situazione della Juve di oggi non senza qualche considerazione sulla gestione Ferrara. In particolare Chiarenza ha evidenziato una certa confusione: in campo i giocatori devono avere un unico punto di riferimento, l’allenatore, e non sentire le voci e le interpretazioni dello staff. A buon intenditor poche parole.

Sfogliando l’album dei ricordi di Vincenzo Chiarenza escono molti giovani giocatori che oggi militano in Juventus e Genoa, quali sono le sue sensazioni?
Ho avuto la fortuna di allenare giocatori con grosse qualità tecniche, fisiche e tattiche. Il mio compito è stato, oltre a quello tattico-tecnico, di insegnare loro il modo di comportarsi in campo, di trasmettere una cultura sportiva.

Il rapporto con questi giocatori prosegue anche oggi?
Sì, ci sentiamo tramite sms o in occasione delle feste

Alcuni, si pensi a Giovinco o allo stesso Paolucci, non sono ancora esplosi del tutto, è d’accordo?
Sono tutti giovani del 1986 o del 1987 e hanno ampi margini di crescita. Non bisogna dimenticare, e anche il passato l’ha dimostrato, che nel calcio si migliora fino a trent’anni. I giovani devono crescere sotto l’aspetto caratteriale per saper gestire anche le situazioni esterne, cioè l’ambiente, i media o i tifosi.

Proviamo a dare un giudizio tecnico su questi giocatori. Partiamo da Palladino
Straordinario. Può giocare anche da prima punta perché tiene palla e sa far salire la squadra. Fa partecipare gli altri giocatori alla manovra e ha un grosso dribbling. Assomiglia un po’ a Ronaldo del Real.

Criscito in bianconero è stato bocciato
Può giocare centrale in una difesa a tre o, come al Genoa, esterno alto a sinistra. Ha qualità tecniche, ma deve migliorare sotto l’aspetto fisico. Con me giocava nella difesa a tre e nella difesa a quattro.

Marchisio
Sta dimostrando le sue grandi qualità tecniche e caratteriali come del resto aveva già fatto con la Primavera. E’ un leader nella Juve e, speriamo, possa diventarlo anche in Nazionale.

L’ultimo ritorno, criticato dai tifosi, è quello di Paolucci
Una prima punta che vede molto bene la porta: è un attaccante completo che calcia di destro e di sinistro. Deve migliorare la qualità di testa.

In molti si aspettavano qualcosa in più da De Ceglie
Forse volevano vederlo giocare di più. E’ il tipico giocatore di fascia (esterno alto) con il cambio di passo e la resistenza. Ha qualità nel cross e si esprime al meglio con il passare dei minuti.

Si può scommettere sulla formica atomica Giovinco?
Una classica mezzapunta che può partire sia da destra che da sinistra. Quando è stato chiamato in causa ha reso, forse, di più di Diego. Uno contro uno dà il massimo.

Non c’è che dire, evidentemente avete lavorato bene…
C’è stata una programmazione incominciata ancora con Leopardi e poi proseguita con De Nicola. Fino al 2002 alla guida della Primavera c’è stato Gasperini e, quindi, il merito è anche suo. Dal 2003 al 2008 ho avuto l’opportunità di allenare la Primavera, di vincere (fra gli altri due Tornei di Viareggio, nda) e di far esordire nella squadra maggiore diversi giovani. Merito della programmazione e degli allenatori, molti di questi, ad esempio Storgato, avevano fatto la trafila nel settore giovanile.

E oggi quali sono le prospettive di Chiarenza?
Avrei voluto restare a vita alla Juventus, ma purtroppo i programmi di Blanc e di Ferrara non convergevano con i miei. Ad Ascoli ho fatto, nonostante tutto, un’esperienza positiva: sono arrivato in un momento di contestazione.

Sarebbe pronto a rientrare alla casa madre?
Sì, mi piacerebbe avere un ruolo di responsabilità nel settore giovanile: posso dire che, dopo 15 anni, è questa la specificità del mio lavoro.

Ci tolga una curiosità. In questi due anni la Juve ha dovuto fare i conti con molti infortuni, qualcuno, anche piuttosto autorevole, ha individuato il problema nei campi di Vinovo. Conferma questa tesi?
E’ una grande balla. I campi di Vinovo sono uno più bello dell’altro. Ci sono sei terreni in erba e i giocatori possono di volta in volta scegliere tra quello più morbido o quello più duro.

E allora cosa sta succedendo?
I tanti infortuni possono voler dire due cose: una grande sfortuna o qualcosa che va rivisto nella preparazione atletica.

Come sta vivendo da tifoso questa stagione?
Giusto precisare che, dopo 10 anni da giocatore e 15 da dirigente, sono il primo tifoso di questa squadra. Ad oggi la Juve non ha avuto una sua identità di gioco.

Può cambiare qualcosa con Zaccheroni?
Me lo auguro. E’ un uomo di calcio, esperto, con il suo staff preparato. Si esprime bene e soprattutto parla solo lui in campo.

Mentre prima non succedeva?
Mi sembra di aver capito che anche gli altri membri dello staff dicevano la loro. Il giocatore deve avere un unico punto di riferimento nel tecnico. Con Zaccheroni ci sono i presupposti per fare bene.

(Credits: IlSussidiario.net)

Alcune risposte sono davvero interessanti: innanzitutto quella su Vinovo, che spazza via credo definitivamente il mistero sui campi troppo duri o troppo morbidi (personalmente avevo pochi dubbi). Ma le due domande più interessanti probabilmente sono le ultime due: è una voce che mi hanno nel tempo raccontato in tantissimi, e trova la prima conferma indiretta in questa intervista… Mi riferisco al fatto che, secondo molti, troppi nello staff di Ciro Ferrara dicevano la loro, dirigevano gli allenamenti, discutevano con i giocatori, insegnavano gli schemi. Addirittura, pare, litigavano e alzavano la voce. Evidentemente la squadra – che per l’uomo Ciro Ferrara nutre stima smisurata – non ha reagito bene.

Pubblicità

Intervista a Sissoko: "E' guerra, i togolesi hanno fatto benissimo a ritirarsi"

sissoko maliPanchina, radio, paura. La Coppa d’Africa poteva cominciare decisamentemeglio, per Mohamed Sissoko. Domenica sera, il centrocampista della Juventus ha saltato la gara inaugurale con l’Angola. Al rientro negli spogliatoi, gli è arrivata la notizia che la Juventus era stata bastonata dal Milan. Alla vigilia, aveva seguito con comprensibile preoccupazione l’affaire-Togo. L’unica cosa buona il risultato del Mali, passato dallo 0-4 al 4-4 nello spazio di 16 minuti.

La Juventus è crollata in casa con il Milan.
«Lo so. La notizia mi è arrivata negli spogliatoi, dopo la doccia. Mi hanno inviato un sms. Mi dispiace davvero, è un momentaccio. La Juventus è la mia squadra e perdere mi fa star male».

Ferrara sta vivendo ore difficili.
«Con lui, mi sono trovato bene, ma capisco che quando si attraversano queste situazioni i dirigenti si pongono il problema-allenatore. Il calcio funziona così».

La Juve è partita benissimo, poi si è fermata: che cosa sta succedendo?
«Quando una squadra va in crisi, non esiste solo una spiegazione. Le cause sono tante: infortuni, inserimenti dei nuovi giocatori, la tensione. Passare dal successo alle difficoltà fa crollare l’autostima. Diventa tutto maledettamente difficile».

Perché ha saltato la partita con l’Angola?
«Non ero ancora a posto dopo l’infortunio. Ma contro l’Algeria, giovedì, ci sarò».

Un esordio pirotecnico: dopo 79’ perdevate 4-0, poi in un quarto d’ora è arrivato il pareggio.
«Non voglio cercare scuse banali, ma nel primo tempo non ci stavamo con la testa. Quello che è accaduto ai togolesi, ci ha sconvolto. Non avevamo proprio la testa per giocare a calcio. Ci ha svegliato l’allenatore, Keshi. Nell’intervallo ci ha detto che non potevamo fare una figuraccia, che una squadra deve sempre avere orgoglio e dignità. Siamo andati sotto di altri due gol, ma abbiamo trovato la forza di reagire. La prima rete ci ha dato un’ulteriore scossa,mentre gli angolani hanno perso sicurezza».

Che cosa pensa della decisione del Togo di ritirarsi dalla Coppa d’Africa?
«Penso che hanno preso una decisione giusta. Noi siamo venuti in Angola per giocare al calcio, non per fare la guerra. Quello che è capitato ai togolesi è orribile. Hanno visto morire due componenti della loro selezione. Hanno visto il ferimento di due compagni di squadra. Hanno temuto dimorire. E’ stata la peggiore esperienza della loro vita. Hanno fatto benissimo a tornare a casa».

Ha parlato con qualche giocatore togolese?
«Ho provato amettermi in contatto con alcuni di loro, ma non è stato possibile. I telefoni cellulari suonavano a vuoto. Per i togolesi è stato un incubo».

(Credits: Gazzetta dello Sport)

Ferrara: "Vittoria importante, Chiellini fantastico"

ferraraCiro Ferrara si gode la vittoria nella prima gara del 2010 e analizza così la partita del Tardini: «E’ stata una vittoria importante. Se mi salva la panchina? Credo che in questo mestiere nessuno è mai sicuro, ma non ero certo preoccupato di questo oggi. Il mio pensiero più importante era risolvere i problemi che avevamo. Siamo andati subito in vantaggio, ma nel complesso la partita è stata equilibrata. Siamo stati bravi nelle situazioni di palla inattiva, ma abbiamo preso gol al primo tiro in porta. Nel secondo tempo c’è stata più spinta da parte del Parma, che è un’ottima squadra, e ovviamente abbiamo avuto qualche difficoltà quando siamo rimasti in dieci, ma nel complesso è andata bene»

A proposito del modulo proposto oggi, diverso rispetto a quello delle ultime prove, Ferrara afferma che «avevamo bisogno di avere linee di centrocampo e di difesa vicine per evitare qualche contropiede di troppo e le disattenzioni che ci erano costate care nell’ultimo periodo. In effetti ci siamo difesi con ordine, caparbietà e voglia, certo non era facile ripartire con Amauri solo là davanti, senza contare l’infortunio di Trezeguet che mi ha costretto subito al cambio. Comunque al momento ci sono tanti giocatori fuori, quindi continuerò con il modulo usato oggi, ma non è detto che in futuro non possa cambiare»

Una battuta sulla straordinaria prova di Chiellini: «Non è giusto trovare alibi – afferma Ferrara – ma posso dire che quando è stato infortunato ci è mancato tantissimo. Giorgio è un leader, un grandissimo giocatore e oggi è stato fantastico».

Infine una chiusura sugli obiettivi di questa squadra: «All’inizio l’obiettivo dichiarato era il campionato, ma in questo momento abbiamo tanti punti di distacco dalle squadre davanti a noi. Lo dico sempre ai ragazzi, non dobbiamo guardare cosa fanno le altre e risolvere i nostri problemi. Gli obiettivi ce li fissiamo domenica dopo domenica, ritrovando l’entusiasmo e lo spirito di inizio stagione, che avevamo un po’ perso con le sconfitte. La sosta forse ci ha aiutato a stemperare le tensioni»